Nella giornata di oggi, presso l’Istituto Anna Micheli, si è svolta un’interessante iniziativa che ha permesso ai nostri studenti delle classi terze della Secondaria di entrare in contatto con la realtà del mondo “digitale” dei social media Instagram e Facebook da un punto di vista diverso, ovvero come potenziali strumenti di comunicazione e scoperta del nostro territorio e delle sue bellezze architettoniche, paesaggistiche e naturali.

Abbiamo avuto l’onore di avere come nostri ospiti e relatori il Dott. Osvaldo Bevilacqua, giornalista della Rai e “Ambasciatore dei borghi più belli d’Italia nel mondo”, e l’Arch. Paesaggista Fernando Bernardi in qualità di “Ambassador digitale dei Borghi più belli d’Italia”.

Durante l’incontro, sono state oggetto di studio e discussione le pagine social dei rispettivi relatori assieme alla pagina Instagram dell’associazione “I borghi più belli d’Italia”, con la visione dei loro contenuti fotografici, reel e video, seguiti da un’accurata selezione di scatti, hashtag ed un’adeguata didascalia che racconti e permetta al follower di scoprire le meraviglie di un luogo restando davanti ad uno schermo.

I relatori hanno coinvolto i nostri ragazzi ponendo loro dei quesiti sul tema trattato e stimolando le potenzialità di ciascun alunno nello sviluppare uno spirito di osservazione, d’interesse esplorativo e creativo. لعبة تربح منها المال Dal canto loro, i ragazzi hanno mostrato una grande curiosità ed un vivo interesse per questa realtà che come noto li definisce “Generazione z”. كيفية ربح المال من الالعاب

A chiusura della giornata i ragazzi hanno compreso come i social e il mondo della fotografia siano strettamente correlati nel promuovere la conoscenza del nostro patrimonio culturale, consentendo di rafforzare il legame con la propria terra, il senso di appartenenza, l’amore per la cultura, le opere, le bellezze naturali e paesaggistiche della città di Roma e non solo.

Questa bella iniziativa ha consentito ai nostri ragazzi di rapportarsi al modo dei social da una prospettiva diversa, facendo loro scoprire le potenzialità “positive” di questi strumenti digitali per il mondo attuale e futuro, nell’ottica di una corretta e sana educazione all’uso di strumenti digitali che fanno ormai parte del vissuto quotidiano dei nostri ragazzi.